01/04/15

Pastiera Napoletana della Cuoca Pa

Grande onore alla cuoca Pa, fa una pastiera strepitosa...come faccio a saperlo? Ho seguito passo passo la sua ricetta e il risultato è stato strabiliante.
E' stata giudicata da napoletani doc, aperti ad accettare le gocce di cioccolato in questo dolce tradizionale.
Per quanto mi riguarda, la pastiera non è un dolce che amo particolarmente, troppo dolce e troppi canditi, in questa versione trovo che l'equilibrio dei sapori, almeno per quanto mi riguarda, è rispettato.
La ricetta è copiata pari pari dal blog di Patrizia, perchè è perfetta così com'è, non ho cambiato una virgola nei dosaggi nè nel procedimento, stavolta mi sono fidata ed ho fatto bene.
Grazie, Buona Pasqua a tutti!!!!!! 

DOSI PER 2 PASTIERE DA 26 CM DIAM

FROLLA:                                                              

500gr di farina                                                         
180gr di burro                                                       
400 gr di zucchero                                                  
3uova                                                                   i semini di 1/2 bacca di vaniglia                                       la scorza di 1/2 limone grattugiata                               
1 pizzico di sale   

 RIPIENO:
500 gr di grano cotto
500gr  di ricotta romana freschissima
5  uova
500gr di zucchero
350gr di latte
la scorza di 1/2 limone
Aroma fiori d'arancia
100 gr di gocce di cioccolato
1 pezzetto di burro
50 gr di canditi
1/2 stecca di vaniglia

PROCEDIMENTO:

Preparate la frolla sbriciolando il burro con la farina, aggiungete lo zucchero, i semini della vaniglia, la scorza del limone grattugiata e il pizzico di sale. Disporre questo composto a fontana sulla spianatoia e incorporare con una forchetta le uova al centro una per volta. Lavorate velocemente fino ad avere un panetto liscio e sodo. Copritelo con una pellicola e mettete in freezer. Procedere con il ripieno: cuocere in un tegame antiaderente il grano, con il latte, la buccia del limone tagliata con il pelapatate, la stecca di vaniglia e una noce di burro, per 1 ora, facendo attenzione che non si attacchi al fondo (basta un attimo di distrazione). Farlo raffreddare, eliminare la vaniglia e le bucce del limone e passarlo con un passalegumi tutto, tranne un cucchiaio (come da tradizione della cuoca Pa). In un ciotolone, passare la ricotta al setaccio, aggiungere il composto di grano cotto, lo zucchero, le 5 uova sbattute, l'aroma fiori  d'arancia, qualche goccia di anice, i canditi tritati con la mandolina piccolissimi e amalgamare bene il composto. Quando è pronto aggiungere il cioccolato e miscelare ancora un pò. Accendere il forno a 160°. Togliere la frolla dal freezer, dividerla in due parti della stessa dimensione. Stendere il primo panetto ad una altezza di circa 2 cm e foderare uno stampo da pastiera (tipo quello per la cassata... altrimenti da crostata va benissimo, togliere gli eccessi on un coltello. Riempire con un mestolo con la farcia e con gli sfridi fare con la rotella dentata delle striscioline da applicare proprio come fosse una crostata. Ripetere la stessa operazione con la seconda teglia. Infornare per circa 1h e 20.        

11 commenti:

  1. Io invece adoro la pastiera. Bravissima ti è venuta perfetta!
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  2. Oddio, me ne mangerei un pezzo (enorme) proprio adesso XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. fantastica........ non posso farla piace solo a me .... e dovrei mangiarla tutta io ... e non farei nessuna fatica ... ma la bilancia la vieta ....ma credo che proverò a farla ugualmente Pasqua o no ....
    un abbraccio e grazie per la ricetta ....AUGURI TANTI E DI CUORE <3

    RispondiElimina
  4. Buona la pastiera ! La mia è prossima nel prepararla. Chi sa quando riesco con tute le cose che devo fare !

    RispondiElimina
  5. ah io l'adoro! diminuisco anche il rapporto dello zucchero :-) e invece delle gocce di cioccolato, aggiungo pinoli, sia come vuole, con piccole personali varianti la pastiera rimane la regina dei docli di Pasqua (insieme alla cassata siciliana, per me) brava! che fame.....

    RispondiElimina
  6. Io la adoro e la trovo splendida!! Brava!!

    RispondiElimina
  7. Mi piace tantissimo la versione che proponi Enrica: perfetta e golosissima, che meraviglia, mi hai fatto venire l'acquolina, ne vorrei una fetta anche ora:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  8. Ma gioia mia, non mi dici niente?? Presa com'ero a pastierare, casatiellare e non ultimo fare la torta per il compleanno di mia figlia (ma quand'è che mi riposo?) mi stavo perdendo il tuo omaggio! Sei stata meravigliosa, fantastica.... mi fa piacere che sia stata apprezzata e sono stata felicissima tu l'abbia replicata, tenuto conto che è un dolce faticoso. Ora la metto subito nella pagina dedicata e sui social... Ti ringrazio davvero tantissimo! Un bascio e buona Pasqua a te e ai tuoi cari! <3

    RispondiElimina
  9. La Patty è strepitosa come lo sono anche le tue pastiere!! Buona Pasqua, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Non c'è da stupirsi che la ricetta sia stata eseguita in maniera magistrale, conosco le ricette di Pa, sono una garanzia e le tue pastiere sono proprio ben riuscite!

    RispondiElimina