16/01/15

Pasta "Bonne Femme" o Puttanesca

Per quanto riguarda l' origine etimologica, il termine puttanesca, è stato oggetto di molte ipotesi. 
Alcuni studiosi dicono che il nome di questa ricetta derivò, all’inizio del secolo, dal proprietario di una casa di appuntamenti nei Quartieri Spagnoli di Napoli, che era solito rifocillare i propri ospiti con questo piatto, sfruttandone la rapidità e facilità di preparazione.
Altri lo affiliano all'architetto Sandro Petti il quale racconta: "Quella sera di tanti anni fa, era molto tardi, ai tavoli del locale sedettero un gruppo di amici veramente affamati... io avevo finito tutto, e li avvisai: "Mi dispiace non ho più nulla in cucina, non posso preparavi niente". Ma loro insistettero e mi esortarono dicendo: "Ma dai Sandro, è tardi ed abbiamo fame, dove vuoi che andiamo... facci una puttanata qualsiasi". La "puttanata qualsiasi" che l'eclettico Sandro Petti  portò in tavola di lì a poco, era proprio un fumante piatto di "Spaghetti alla Puttanesca" (solo che ancora non erano stati battezzati tali)... una pietanza che da quella famosa sera, divenne un must della tradizione culinaria dei ristoranti non solo ischitani, ma addirittura di tutto il mondo.... »
Nei menù di tutto il mondo si chiama appunto Bonne Femme.





Per 4 persone:
400g di pennette
400g di pelati
2 spicchi d'aglio
½ peperoncino piccante
6 capperi di Pantelleria
100g di olive di Gaeta
abbondante prezzemolo tritato
2 cucchiai di pangrattato tostato
4 alici sotto sale
sale qb
olio evo qb
In una padella mettere olio e gli spicchi d'aglio spellati a rosolare, aggiungere le acciughe dissalate e tritate, le olive denocciolate e tritate, i capperi tritati far rosolare 1' aggiungere i pelati schiacciati con una forchetta, il peperoncino, far sobollire 5/10' salare se necessita.
In un tegame cuocere al dente le pennette condirle con il sugo poi cospargere con il pangrattato e abbondante prezzemolo tritato.
Bon Appetit!!!




11 commenti:

  1. Al posto delle alici io a volte ci metto tocchettini di pancetta...
    Simpatica l'origine del nome :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la ricetta tradizionale è napoletana e non contiene le alici, quella che ho presentato è la versione tradizionale del Lazio, la tua versione sicuramente buonissima ;)

      Elimina
  2. E' buonissima!! Non ne conoscevo l'origine, in effetti mi sono sempre chiesta il perché di questo nome!!
    Un bacione e buon we!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao silvia in effetti è un piatto gustoso e rapido da preparare buon we ;) baci

      Elimina
  3. Questa pasta ha sempre successo :) Conoscevo solo la prima delle due ipotesi d'origine del nome di questo sugo, grazie x aver ampliati i miei saperi ^_^
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
  4. Ciao Enrica, ti ringrazio tantissimo per avermi illuminato circa le origini di questo sfiziosissimo primo piatto (che ignoravo!!). Mi piace tantissimo la pasta alla puttanesca, io la preparo in modo simile ma senza il pangrattato (devo provare questa tua versione;)la tua pasta ha un aspetto invitantissimo, è amalgamata alla perfezione e ben condita come piace a me:)) bravissima come sempre, complimenti:))
    un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  5. Grazie per averci illustrato l'origine del nome di questa pasta che fra l'altro a me piace moltissimo :)
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. Enrica non conoscevo questa storia.... mia mamma mi diceva sempre che si chiamava così per via del piccante.... Mi piace moltissimo questa tua versione... un bascione!!

    RispondiElimina
  7. Alla puttanesca non posso proprio rinunciare.. nemmeno dopo le feste! Sempre deliziosa e sempre golosa! Ti rubo una forchettata, Enrica! Un bacione :)

    RispondiElimina
  8. non conoscevo la storia del nome, ma la pasta fatta così è fantastica!
    baci
    Alice

    RispondiElimina