31/01/15

Baccalà skin

Giovedì gnocchi, venerdi baccalà e sabato trippa!
A Roma si usa dire questo per una tradizione popolare che vedeva il giovedì come giorno quasi prefestivo che voleva un piatto elaborato, il venerdì invece un piatto magro per tornare il sabato a complicare le cose.
Ieri era appunto venerdì ed ho preparato il baccalà alla veneziana, una preparazione che adoro, perchè la dolcezza delle cipolle e del latte rendono il piatto delicatissimo.
Il baccalà, lo spello sempre, per togliere quel sapore amarognolo.
Visto che in tempi di crisi non si butta via nulla, ecco un aperitivo di riciclo.


Pelle del baccalà tagliato a strisce larghe 2cm circa x 5 cm di lunghezza
farina
olio di semi di arachidi per friggere
sale
Lavare e tamponare la pelle del baccalà infarinarla e friggerla, scolare su carta assorbente salare e servire immediatamente svanirà in un Puff!!!

Ringrazio Alessandra di Daisy Garden per l'intervista, potete leggerla qui
Se volete anche voi farvi intervistare cliccate sulla foto



21 commenti:

  1. santo cielo ... scommetto che mi piace ..... che buonooooooooooo pure la carne però del baccalà .... non si butta nulla ... baci .....
    l'ho letta intervista ... brave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro ché la carne la cucino alla veneziana slurp

      Elimina
  2. Ecco, questa non l' avrei mai nemmeno pensata!! Io la pelle dei pesci la faccio volare senza remore!! Ottima idea!!
    Un bacione e buon we!!

    RispondiElimina
  3. E io che l'ho sempre buttata! eh ma io sono io! Tu invece come i maggiori chef anglosassoni e australiani hai reso la pelle del baccalà un piatto prelibato! Enrica sei grande!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  4. A volte la uso, a volte no ma se si trova un modo per non buttarla e per renderla sfiziosa come hai fatto tu ben venga!! Bravissima :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Beh la domenica si mangia in compagnia qualsiasi cosa ci sia nel piatto fa festa ;)

      Elimina
  6. Che bella idea,... molto gustosa !

    RispondiElimina
  7. Una ricetta bellissima e troppo sfiziosa, mi hai fatto venire l'acquolina:)) grazie per la condivisione e per aver pubblicato anche il link dell'intervista che mi ha fatto piacere leggere in quanto ho avuto modo di conoscerti meglio:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy mi fa piacere che tu abbia gradito sia il piatto che l'intervista baci

      Elimina
  8. Ma che idea geniale x non sprecare proprio niente, ti adoro Enrica :-)
    Mi sono già letta la tua intervista e la penso proprio come tuo marito..6 unica :-)
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Consu, mio marito è giustificato ma tu??? eh eh eh ;)

      Elimina
  9. Che brava Enrica !!! Una buona ricetta e un bel modo per non sprecare nulla , che di questi tempi anche in cucina ci vuole un occhio di riguardo. Un bacione .Mirtilla ♥

    RispondiElimina
  10. Ti ho conosciuta grazie a lei e ora ti seguo ;)

    RispondiElimina
  11. Ciao Enrica! Un ottimo modo per non sprecare nulla! Anche io tendo a separare la polpa del baccalà e dalla sua pelle, ma ora la conserverò per preparare questo sfiziosissimo antipasto! Un bacione!

    RispondiElimina
  12. che forte! mai provato così :)) grazie per la ricetta :))

    RispondiElimina
  13. che grande idea questa di friggere la pelle, proverò sicuramente! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina