03/12/14

Vellutata di Topinambur

Nel mese di aprile in un campo vicino casa ho raccolto delle piccole piante di Helianthus tuberosus e le ho ripiantate nel mio giardino.
E' stata una bellezza vederle crescere alte, robuste, e vederle fiorire alla fine di agosto.
I suoi fiori gialli mettevano allegria e attiravano l'invidia di tutto il vicinato compresa quella del mio giardiniere.
Arrivato l'autunno le piante sono appassite lasciando un tesoro nascosto nel terreno il suo nome è Topinambur ed ecco a voi la gustosa vellutata bio che mi ha dato tanta soddisfazione.


Per 4 persone
600g di Topinambur
1 cipolla
2 patate piccole o 1 media
olio evo
timo
crostini
Pulire i topinambur lavandoli e sbucciandoli con un pelapatate, preparare e tagliare finemente la cipolla, sbucciare anche le patate.
tagliate a piccoli pezzi patate e topinambur far insaporire in padella con la cipolla e l'olio per 10' con coperchio, aggiungere via via del brodo vegetale e a cottura terminata frullare il tutto portando alla densità desiderata.
La vellutata a me piace piuttosto densa e corposa, aggiungere un rametto di timo e i crostini

14 commenti:

  1. che brava Enrica!e che buonissimo piatto!buona giornata:)simona

    RispondiElimina
  2. Ottima Enrica!! Anche a me piace piuttosto corposa la vellutata, con i crostini e le erbe!!
    Brava!! Buona giornata!!

    RispondiElimina
  3. Perfetta per giornate uggiose come questa! Tipo stasera, torno stremato dalla palestra e... wooow! **

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Un ottimo piatto con una bella presentazione e molto gustoso !

    RispondiElimina
  5. ma come????? io queste piante le trovo ai cigli delle strade???? solo loro???? li chiamo margheritoni
    devo indagare ... e poi se finiscono nel piatto così bene ... sono da provare ... grazieeeeee
    baci

    RispondiElimina
  6. Cara Enrica, conosco benissimo i topinambur: qui in Sicilia sono utilizzati e vengono chiamati 'patacche'.
    Cotti in padella da soli o abbinati con i funghi, come ripieno delle scaccie...sono ottimi e a me piacciono tantissimo:))
    la tua vellutata è da provare assolutamente, mi piace troppo e mi sta venendo l'acquolina:)) bravissima come sempre, ti faccio i miei migliori complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  7. Enrica lo sai che da me i topinambur non esistono??? Ho girato tanto tanto per trovarli ma niente... me li farò spedire da qualcuno solo per provare questa deliziosa vellutata! Un bacsione!

    RispondiElimina
  8. Ma che brava e che soddisfazione poter cogliere i proprio prodotti direttamente dall'orto :-)
    Queste vellutata è piena d'amore e fa proprio bene al cuore ^_^

    RispondiElimina
  9. vien voglia di divorarla! Brava brava brava! :D e poi adoro il topinambur

    RispondiElimina
  10. Brava Enrica! Questa vellutata è una sqisitezza.Non sapevo che si potessero coltivare in giardino e.....grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  11. ma che bella questa vellutata, molto invitante :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrica,
      grazie per la visita al mio blog, mi ha fatto scoprire il tuo mondo, molto interessante! ti seguo con piacere.

      Per l'intervista creativa, ho preso nota, a breve ti scrivo in privato!
      un abbraccio

      Elimina
  13. avec les topinambours c'est bien original
    bonne journée

    RispondiElimina