28/12/14

Pandoro a forma di zuccotto

Anche se fuori tempo massimo per tutte le presentazioni di dolci natalizi, arrivo con il mio esperimento dell'ultima ora, un Pandoro dal successo garantito (ricetta sorelle Simili con variante personale) ma non avendo uno stampo adatto l'ho fatto lievitare in una stampo da zuccotto ed ecco a voi il risultato...
















450 gr farina di manitoba
160 gr zucchero
170 gr burro
4 uova
18 gr lievito di birra
acqua
1 cucchiaino di sale
1 stecca di vaniglia
burro e zucchero per lo stampo
zucchero a velo per lo spolvero finale
sono previste tre diverse fasi di lievitazione 
il lievitino
15 gr lievito di birra
60 gr acqua tiepida
50 gr farina
1 cucchiaio di zucchero (circa 10 gr)
1 tuorlo
mettere gli ingredienti in una ciotola e sbattere bene fino ad avere un composto amalgamato e liscio che si presenterà molto fluido
metterlo a lievitare in luogo tiepido per circa un'ora, fino al raddoppio, presenterà molte bollicine in superficie
procedere al primo impasto aggiungendo al lievitino:
200 gr farina
3 gr lievito di birra
50 gr zucchero
30 gr burro
2 cucchiaini d'acqua
1 uovo
aggiungere al lievitino il lievito di birra sciolto in poca acqua tiepida, lo zucchero, la farina e l'uovo (meglio partire a fare l'impasto nella ciotola e poi passare sulla spianatoia)
amalgamare bene battendo anche l'impasto sulla spianatoia, appena è ben amalgamato unire il burro
lavorare ancora fino a che il composto non sarà omogeneo 
rimettere in ciotola, ricoprire e tenere in un luogo tiepido per la lievitazione (fino al raddoppio, circa 15')
aggiungiamo al primo impasto ilsecondo impasto, :
200 gr farina
100 gr zucchero
2 uova
1 cucchiaino di sale
i semini di una stecca di vaniglia (oppure 1 bustina di vanillina o delle gocce di essenza)
occorreranno poi 140 gr burro a temperatura ambiente per sfogliare

unire le uova, lo zucchero, la farina, il sale, la vaniglia al primo impasto
lavorare bene fino a che non sarà ben amalgamato, battendolo sulla spianatoia per circa 10'-15'.
Mettere l'impasto ottenuto in una ciotola unta di burro 
far lievitare coperto circa 3 ore, fino al raddoppio
dopo questo tempo metterlo in frigo per 30'-40'.
Trascorso questo tempo rilavorarlo un po' sulla spianatoia e procedere con le sfogliature:
tirare la pasta in un quadrato, mettere al centro il burro ammorbidito a temperatura ambiente, richiudere i lembi sul burro in modo da racchiuderlo al meglio.
Stendere con il mattarello delicatamente fino ad ottenere una lunga striscia che andrà ripiegata in tre rimettere in frigo a riposare per una ventina di minuti,compiere quest'operazione almeno per altre due volte.
Se occorre via via spolverizzare di farina la spianatoia.
Dopo l'ultima sfogliatura, con le mani unte di burro andare a formare una palla facendo ruotare il panetto sulla spianatoia e rigirando i bordi verso una parte in modo da "chiuderla"
mettere questa palla con la parte liscia verso il fondo dello stampo, tenendo cioè la parte con i lembi ripiegati verso l'alto nello stampo da pandoro (per me da zuccotto) imburrato e spolverizzato di zucchero semolato
far lievitare in luogo tiepido fino a che la pasta non arriverà al bordo dello stampo (1 notte)
infornare a 170° per 15' poi a 160° per altri 10', regolarsi sempre con la prova stecchino
sformare appena possibile, servire con la classica spolverizzata di zucchero a velo 

10 commenti:

  1. O_O 6 stata bravissima ed è simpatica anche l'insolita forma :-)
    Complimenti cara e buona domenica <3

    RispondiElimina
  2. Bella la forma a zuccotto!! Brava Enrica, mica sei in ritardo!! C' è il 31!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  3. Mi piace un sacco ed ha un aspetto superinvitante! :-)

    RispondiElimina
  4. Una forma insolita, ma è la sostanza che conta... e questa è davvero ottima!!!!
    Un abbraccio
    Flora

    RispondiElimina
  5. Che bello! Con una forma diversa, così da poterlo preparare tutto l'anno come brioche per il mattino!
    Mi piace proprio!

    RispondiElimina
  6. Non mi sono mai cimentato nel preparare dolci natalizi, ma a vederlo sembra davvero fico.
    Poi, spaccandolo e farcendolo con nutella e gelato... lo sarà ancora di più!
    Un abbraccio, e buona continuazione Feste!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Bravissima Erica, ti faccio i miei migliori e più sinceri complimenti per questo pandoro dalla forma originale, mi piace tantissimo:))inoltre ti è venuto troppo bene e la sua consistenza interna (visibile dalle foto) sofficissima e ben lievitata come piace a me:))mi hai fatto venire tanta voglia di preparalo, dev'essere di sicuro buonissimo:)))
    un bacione e rinnovo i miei migliori auguri di Buone Feste a te e famiglia:))
    Rosy

    RispondiElimina
  8. Ti è venuto molto soffice e alla fine conta più questo che la vera forma. Buon 2015 !

    RispondiElimina
  9. Perché fuori tempo massimo? Fino all'Epifania è sempre festa! :-) E comunque, questa delizia la mangerei tutto l'anno. Un bacio e tanti auguri di Buon Anno

    RispondiElimina
  10. Splendido! Mi piace la forma a zuccotto. E non sembra neppure troppo complicato...

    RispondiElimina