28/03/14

Pasta al pomodoro con ricotta salata

"Il viaggio è già la meta", la prima volta che l'ho sentita, sembrava una frase fatta,  riflettendo attentamente si può vedere che il momento migliore, quello più intenso, quello che emoziona, quello che  lascia un esperienza e un insegnamento è proprio quello che precede l'ottenimento di qualsiasi risultato.
Lungo il percorso, si può cadere, e nel rialzarsi si può trovare una mano tesa ad aiutarci, altre volte oltre alla caduta, dobbiamo curarci da soli le ferite.
Possiamo fare degli incontri, alcuni positivi che ci arricchiscono, altri che ci lasciano un pò d'amaro, ma vale comunque la pena fare l'esperienza.
Gli insegnamenti che si ottengono lungo un percorso ci serviranno ad affrontare altri viaggi con un bagaglio sempre più leggero, perchè avremo imparato che le zavorre non servono.
La staticità, l'apatia, la paura di mettersi in discussione, a mio avviso vanno evitate; bisogna cercare costantemente stimoli e interessi altrimenti si rischia di spegnersi, lentamente, senza accorgersene.
Se si è fortunati ci si risveglia ma, nel frattempo, sono passati anni o decenni che non torneranno più.
Dopo questa riflessione da strizzacervelli vi propongo un piatto semplice, che rappresenta al meglio la primavera.

Ingredienti per 4:
350g pasta di gragnano del formato che preferite
500g di pomodori datterini
1 spicchio d'aglio
150g di ricotta salata
basilico
In un tegame schiacciare uno spicchio d'aglio vestito(con la pellicola esterna), aggiungere 2 cucchiai di olio evo far rosolare l'aglio, toglierlo e aggiungere i datterini lavati e tagliati a metà far cuocere per 7' circa e passarli al passatutto per togliere i semi e le bucce.
Cuocere la pasta in acqua che bolle salata, un paio di minuti prima che finisca la cottura metterla nella padella con il sugo e finire la cottura, se necessita aggiungendo 1 mestolo di acqua di cottura.
Aggiungere un cucchiaio di ricotta salata, basilico tagliato grossolanamente mescolare e disporre nei piatti.
Aggiungere singolarmente la ricotta salata e delle foglie di basilico.

Ringrazio Silvia che mi ha donato questo premio, avendolo già ricevuto in passato non rispetterò tutte le regole della "catena"

17 commenti:

  1. Parole sante, cara Enrica!! E mi piace che siano diventate il motivatore di ogni mio passo, perfino, o soprattutto, nelle cadute.
    La semplicità di questo piatto mi incanta e mi riporta ricordi lontani. Grazie per averla condivisa e buona giornata ^_^

    RispondiElimina
  2. E' proprio vero Enrica, ed è molto importante capirlo il prima possibile!!!
    Non ho mai assaggiato la ricotta salata, non so se mi piace ma la tua pasta la assaggerei al volo!!
    Buona giornata!!

    RispondiElimina
  3. hai proprio ragione...bellissime le tue parole per iniziare con forza la giornata!poi questo piatto è ottimo!bacioni ...un abbraccio simona:)

    RispondiElimina
  4. La penso come te: l'immobilità non porta a nulla, o peggio porta qualcosa di male.

    La ricetta è ottima per i periodi tiepidi, dalla foto mi sta già venendo una certa fame :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Quanto hai ragione "le zavorre non servono"! Più stai fermo, più non ottieni nulla.. e come dici tu "passano gli anni" che purtroppo nessuno può farci riavere!
    Ricetta prelibatissima, pochi e semplici ingredienti ma tutti straordinari! Un bacione cara! Buon weekend! :)

    RispondiElimina
  6. Semplice e tanto gustoso questo primo piatto...bravissima!!!
    Bacioni, buon pomeriggio...

    RispondiElimina
  7. La tua riflessione è giustissima e poi ci si accorge di quanto tempo si è buttato via .... meglio assaporare ogni attimo e positivo o negativo serve tutto per migliorare ed apprezzare ...
    io apprezzo anche questa tua ricetta ......stimola l'appetito ... un bacione giusi_g

    RispondiElimina
  8. che bontà!!!! mi sembra uno di quei piatti semplici ma genuini!
    E sono d'accordo con te. Bisogna apprezzare i momenti vissuti :)
    Bacione a te!

    RispondiElimina
  9. Io ci sono arrivata tardi alla consapevolezza che bisogna goderselo, il viaggio. Ma meglio tardi che mai! Adesso quasi quasi preferisco il percorso per arrivare che non l'arrivo stesso!
    Urrà per la pasta con la ricotta salata, scoperta in Sicilia sulla Norma poi non l'ho mai più lasciata e spesso la preferisco al parmigiano!
    Baci e buon weekend!

    RispondiElimina
  10. Non potevi interpretare in modo migliore il mio pensiero..peccato che sia un po' + difficile da mettere in pratica...con un po' di lavoro riuscirò anch'io (spero!)...
    Il tuo piatto evoca davvero la bella stagione..semplice, profumato e in onore alla nostra Italia :-D
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
  11. Bella l'introduzione al tuo post, in questa frase è racchiuso in effetti, un po' il senso della vita...
    E se dobbiamo godere il viaggio della vita, facciamolo anche gustandoci questo bel piatto di pasta!
    buona serata
    lolle

    RispondiElimina
  12. Quanti ricordi legati a questa ricetta...ricordi che sanno di mare, di sud, di ricotta salata preparata da una sapiente contadina campana dove ho passato alcune estati della mia primissima infanzia. Grazie per il piacevolissimo tuffo nel passato!

    RispondiElimina
  13. Ah beh, questa frase una zonzolona come me non poteva che approvarla in pieno :-) E pure la pasta è una meraviglia!!! Bacioni

    RispondiElimina
  14. Ciao Enrica, concordo pienamente con quanto hai scritto,la staticità, magari il riinviare all'infinito non servono a niente, solo a farci del male, a lungo andare, e a pagare le conseguenze derivate da un atteggiamento simile...
    la tua pasta è meravigliosa, adoro i pomodori datterini, la loro dolcezza è favolosa, e anche il tocco conferito dalla ricotta salata, un piatto che adoro, realizzato da te a regola d'arte, bravissima Enrica:))
    un bacione e buon fine settimana:)
    Rosy

    RispondiElimina
  15. condivido ogni parola e vorrei essere meno zavorrata :-(
    Buonissime le pipe, questo piatto lo mangio spesso ad Agropoli in vacanza!!!
    buona domenica mia cara!
    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  16. un gran bel piatto, la ricotta salata aggiunge un ottimo sapore

    RispondiElimina