28/02/14

Taralli pugliesi con semi

Buongiorno, dopo lo sfogo del post precedente le cose sono migliorate, ci sono stati i dovuti chiarimenti e la nebbia almeno nella mia mente si sta diradando.
A volte i silenzi o le cose non dette in maniera esplicita creano situazioni che potrebbero essere evitate, ma come ogni evento nella nostra vita, anche questo ci serve per riflettere, osservare e poi agire di conseguenza.
Buon fine settimana a tutti voi vi abbraccio

Ingredienti:
500g farina 0 setacciata
1 cucchiaio semi di finocchio
½ cucchiaio semi di anica
½ cucchiaio semi di cumino
100g olio evo
1 cucchiaino di sale
100/150ml vino bianco
Versare la farina a fontana, al centro versae i semi, il sale, l'olio e una parte del vino iniziare ad impastare fino a rendere l'impasto liscio e consistente (in alternativa versare tutto dentro la planetaria con il gancio e far girare 5' circa).
Far riposare l'impasto 1 ora circa, formare dei salsicciotti come per gli gnocchi, tagliarne una lunghezza di 8cm circa chiuderli ad anello saldando bene i terminali.
Intanto mettere a bollire una pentola con acqua, quando questa raggiunge l'ebollizione versare delicatamente e pochi per volta i taralli e cuocerli fino a che vengono a galla.
Con un mestolo forato toglierli dall'acqua e metterli sopra una teglia da forno ricoperta di carta oleata e finire la cottura in forno caldo a 180° per circa 30'.

14 commenti:

  1. Bene, mi fa piacere che vada meglio... A volte la sofferenza, qualunque sia la causa, ci aiuta a prendere le distanze dalle cose che ci fanno stare male, per puro istinto di autoconservazione, e magari poi si torna a guardarle con occhi diversi e si nota qualcosa che prima non si vedeva!
    Tieni duro :-)
    A presto e buon weekend!

    RispondiElimina
  2. Hai omaggiato una delle mie due regioni, wow! :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Mi sono presa il tuo post precedente, ho avuto la seicentesima influenza dall'inizio dell'anno e un po' di cose le ho mancate. Qualunque cosa sia accaduta, spero tutto si risolva al meglio!
    Io mangerei taralli a profusione fino a scoppiare. Hanno un aspetto fantastico, bravissima!
    Un bacione grande anche da Ginevra :D


    RispondiElimina
  4. Bene Enrica, sono contenta, lavorare in un ambiente sereno e chiaro è importante al lavoro ci passiamo così tanto tempo....
    Ottimi i tuoi taralli, ti sono venuti belli cicciotti, saranno friabilissimi!! Brava!!

    RispondiElimina
  5. Molto sfiziosi questi tarallli cara Enrica, mi piace anche come li hai presentati...brava!!!
    Bacioni, buon fine settimana...

    RispondiElimina
  6. sono felicissima per te che le cose vadano meglio ... il cuore va sempre a mille .... che stranezza mica lo sapevo che occorresse bollirli ... lo so già che mi piacciono... una delizia ... bacioni giusi_g

    RispondiElimina
  7. Mi fa davvero piacere saperti + serena :-D
    Questi taralli sono strepitosi, li adoro e ogni volta che li preparo non arrivano alla sera..mio marito ne è ghiotto :-P
    Buon we cara <3

    RispondiElimina
  8. Cara Enrica, mi fa veramente piacere apprendere che le cose vanno meglio e che tu sia più serena:)
    complimenti per questi taralli, hanno un bellissimo aspetto e la ricetta è ottima..mi viene troppa voglia di provarla:)
    bravissima come sempre:)
    un bacione e buon fin settimana:)
    Rosy

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Anch'io mi sono data ai taralli ieri! Li ho fatti direttamente al forno però. :)

    RispondiElimina
  11. Buona sera Enrica, ottimi i taralli e soprattutto il diradarsi della nebbia ;-)
    un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  12. Perfetti i tuoi taralli...Complimenti!

    RispondiElimina
  13. Mi viene voglia di mangiarli tutti!!

    RispondiElimina
  14. Sono felice siano migliorate le cose!
    Vado ghiotta per i taralli e vederli in foto mi ha fatto venire l'appetito! Squisiti! Un bacione cara Enrica! :)

    RispondiElimina